L’Unione dei Comuni compie vent’anni. Il messaggio del Presidente

UNIONE DEI COMUNI- L’Unione dei Comuni Andrano Spongano Diso compie vent’anni.

Data:
26 Settembre 2021

L’Unione dei Comuni compie vent’anni. Il messaggio del Presidente

UNIONE DEI COMUNI- L’Unione dei Comuni Andrano Spongano Diso compie vent’anni. Il 26 settembre 2001, nella sede municipale di Andrano, gli allora sindaci Giuseppe Accogli, Salvatore Scarciglia e Fernando Minonne firmarono l’atto costitutivo del nuovo ente locale con allegato statuto, individuando la sede a Diso, stabilendo le funzioni, i servizi e le modalità di gestione e delineando soprattutto l’obiettivo:  “promuovere la progressiva integrazione tra i Comuni aderenti, al fine di gestire con efficacia ed efficienza l’intero territorio dell’Unione, conservando in capo ai singoli Enti la competenza all’esercizio delle funzioni amministrative che più da vicino ne caratterizzano le specifiche peculiarità“.

Di seguito, il messaggio dell’attuale presidente dell’Unione, Luigi Rizzello, sindaco di Spongano.

“L’Unione dei Comuni nasce da una possibilità offerta dal legislatore di riorganizzare il territorio, razionalizzando risorse e creando nuove opportunità di promozione e valorizzazione dello stesso, unificando risorse organiche, finanziarie ed amministrative. Scopo dell’Unione è di esercitare funzioni e servizi in modo più efficiente, efficace ed economico di quanto non consentirebbe la frammentazione dei Comuni membri, a beneficio dell’intera comunità dell’Unione, in conformità ai principi di autogoverno locale, sussidiarietà, adeguatezza e differenziazione previsti dalla Costituzione.
Quest’anno ricorrono i vent’anni dalla nascita dell’Unione dei Comuni di Andrano Spongano Diso e l’occasione offre la possibilità di un’approfondita riflessione istituzionale sul lavoro svolto e sulla necessità di porre le basi per una seria e concertata valutazione sul futuro dell’istituzione.
Unificare e conciliare obiettivi, programmare e perseguire finalità territorialmente comuni, identificarsi in un tutt’uno, seppur con le diversità specifiche di ogni piccola comunità, sono i fini che in una lungimirante visione politica dovrebbero guidare l’azione amministrativa, ma che troppo spesso s’intralciano ed inciampano in miopi ed impedenti questioni. Il lungo rodaggio e l’avvio di tanti servizi associati, ormai abituali e diventati ordinari nella quotidianità dei cittadini dell’Unione, sono i presupposti però per raggiungere obiettivi sempre più concertati ed armonizzati, oltre che affini e congiungenti, captando sempre nuove risorse e possibilità.
Solo credendo fermamente in questo si può realmente tradurre l’istituzione Unione in un sempre più fattivo ente a beneficio del territorio e delle comunità facenti parte”.

 

Spongano, 26 settembre 2021

Ultimo aggiornamento

27 Settembre 2021, 21:15